L’equipaggiamento, la Forma, lo schema mentale dell’arciere

Condividi

L’equipaggiamento, la Forma, lo schema mentale dell’arciere

È molto difficile trovare un buon arciere che abbia una cattiva forma (un brutto modo di tirare), ma è ancora più difficile trovare un cattivo arciere che abbia una buona forma di tiro (un buon metodo di tiro).
In generale si presta troppa attenzione all’equipaggiamento e non sufficiente attenzione al modo di tirare ed alla preparazione mentale. Molti arcieri vogliono ottenere buoni risultati senza sforzo. Pensano che comperare l’attrezzatura usata dai campioni possa renderli tali.
Non è così! Non ci sono archi magici! Un arciere dilettante si può trovare molto bene con un arco particolare non per le caratteristiche reclamizzate o perché lo usano i campioni, ma perché, senza che egli se ne renda conto, gli permette di ottenere buoni risultati per motivi completamente diversi.
Ad esempio, si può trovare bene con un arco mono camme non per questa caratteristica o perché è particolarmente veloce, ma perché l’arco ha un “muro” ben preciso, che gli permette di avere un allungo costante e quindi migliori risultati nel tiro.
Si deve arrivare a capire che il tiro con l’arco non è solo uno sport, ma una disciplina.
È una attività in cui si deve lasciare che succeda qualche cosa, con moltissimi praticanti che invece vogliono far succedere qualche cosa. Per tirare bene occorre avere un buon metodo di tiro (una buona forma), in modo da eseguire ogni tiro allo stesso modo.
Fra i coreani ci sono molti buoni arcieri perché in Corea ci sono molti istruttori ben preparati, che insegnano tutti lo stesso metodo di tiro, a persone che hanno già di per sé una cultura della disciplina.
Per migliorare si deve cambiare la propria forma di tiro, seguendo le indicazioni di un buon istruttore.



  • Bob Ragsdale: “Una definizione di follia può essere: fare sempre la stessa cosa aspettando ogni volta di ottenere un risultato diverso dalla propria azione”.
  • McKinney: “Se si fa quello che si è sempre fatto si otterrà sempre lo stesso risultato”.

(Tratto da “Arco a prova di idiota” di Bernie Pellerite)

 

Condividi